Obbligo vaccinale sul posto di lavoro

Obbligo vaccinale e lavoro.

Trib. Roma sez. feriale lavoro ordinanze nn. 79833-34-35/2021: è legittima la sospensione dell’attività e della retribuzione per chi opera nel settore della sanità e non vuole vaccinarsi contro il Covid-19 . La sospensione può essere rinnovata di tre mesi in tre mesi finché il lavoratore non deciderà di immunizzarsi contro il coronavirus per non compromettere la salute di pazienti e assistiti. Chi rifiuta il vaccino non solo non può continuare a svolgere la sua mansione ma non può nemmeno essere ricollocato con un’altra funzione, anche inferiore, per la quale sia previsto l’obbligo del siero.

Inserisci una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *